Davvero questo era il progetto che Dio aveva sul padre e la sua Opera, tant’è che già nel 1939, in poco più di dieci anni, le suore erano 40, più 19 ragazze che erano tornate a casa e una delle prime quattro Ancelle che era già nella gloria di Dio.
Un progetto divino richiede grande preparazione spirituale e materiale, che pretende davvero il dono totale di sé, secondo il modello di Gesù Crocifisso, che guarda esclusivamente, senza dar spazio a se, ma, poi …, alla santità : “Anime benedette, privilegiate! La vostra vocazione reclama santità ad ogni costo, quindi dedizione senza misura alla Volontà del Signore, comunque espressa. La vostra preparazione ai voti non ha confronti con altre istituzioni, anche claustrali e gli aiuti straordinari, quali l’anno, detto cenacolo, non l’avete che voi. Com’è grande il Signore nel chiamarvi tra le Ancelle! … Santità fondata e fidata su Dio e in Dio, ad ogni costo, quindi Preghiera, Preghiera e poi ancora Preghiera, quindi Pietà fondamentalmente Carità-Carità-Carità! Tutti perduti in Dio con Cristo e la Madonna!”.
Nel cuore di Don Folci non ci sono però solo le Ancelle di Gesù Crocifisso. Ha infatti un grande legame spirituale con diversi monasteri di clausura, in particolare con quello del Sacro Monte di Varese, dove le suore Romite ambrosiane vivono in clausura stretta, lì don Folci da giovani andava spesso a pregare partendo a piedi dalla casa natale di Cagno. Durante l’intero suo ministero si affiderà poi alle suore Benedettine di Grandate e alle suore di clausura della Visitazione a Como, proprio con quest’ultime celebrerà l’ultima sua messa. A loro affidava tutti i progetti che Dio gli ispirava, chiedeva e credeva nella loro preghiera al S.S. Sacramento, perché nessun progetto può realizzarsi se non con Cristo!
Anche la loro santità gli sta a cuore, per loro prega e fa pregare, perché come le dice spesso “Dovete amare la povertà, la carità, il silenzio. Guardate che lo spirito del mondo può entrare anche in monastero. Non sono sufficienti le grate per tenerlo fuori”.

MUSEO DON FOLCI

Con la realizzazione di questo museo virtuale si vuole far conoscere la figura del Venerabile Sacerdote Giovanni Folci, esempio di santità, che con le sue parole e la sua intercessione desidera portare ogni uomo e donna alla gioia di essere Santi!

Indirizzo:
Valle di Colorina (So)
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Google+ Icon
  • Grey Instagram Icon